Oggi parleremo dei diversi tipi di filtri fotografici: piccoli ma importanti accessori, che possono letteralmente cambiare il volto delle tue fotografie.

Questi strumenti, ampiamente usati in passato, hanno perso un po’ d’importanza da quando è stata inventata la fotografia digitale.
La causa di questo fenomeno, è da ricercare nella grande possibilità di post-produzione che questa invenzione ha permesso.
Grazie al fotoritocco, gran parte degli effetti ottenuti usando i diversi tipi di filtri fotografici possono essere riprodotti con pochi click, con una buonissima qualità d’immagine e un risparmio non indifferente per le proprie tasche.

Ma se sono inutili perché me ne parli?
Perché per fortuna, esistono ancora dei filtri fotografici, i cui  magnifici effetti non sono riproducibili con un semplice programma di post-produzione.
Questo avviene perché le modifiche della luce incidente attuate da queste componenti, sono così drastiche che non possono essere ripetute con il fotoritocco.

Risulta quindi subito evidente come sia di fondamentale importanza per un fotografo conoscere le potenzialità di questi piccoli ma preziosi strumenti.
Proprio per questo motivo ho pensato di creare una serie di articoli dedicati all'utilizzo dei migliori filtri fotografici, che puoi trovare nei link presenti in questa pagina.

Ma ora basta con le chiacchiere e iniziamo a scoprire pregi e difetti di questi accessori.

Visto che sei interessato a capire come funzionano i diversi tipi di filtri fotografici, che ne diresti di scaricare la nostra guida completa?

Il manuale in pdf è disponibile gratuitamente iscrivendoti alla nostra newsletter e comprende utili consigli sull'utilizzo del filtro:

  1. Polarizzatore
  2. ND
  3. GND

Se sei interessato ti basterà compilare il modulo sottostante.

Hidden Content

Filtri fotografici:cosa sono

Un filtro ottico è un accessorio che viene posto davanti alla lente dell’obiettivo per cambiare determinate proprietà della luce incidente.

Esistono due diversi tipi di filtri fotografici, che differiscono per la loro forma:

  • A vite: tra le due tipologie sono i più comodi da usare, almeno all’inizio. Sono di forma circolare e vengono solitamente avvitati sull’ottica utilizzata.
filtri fotografici
  • A lastra: un po’ più ingombranti dei precedenti, visto che serve una struttura che permette di posizionare in maniera stabile i filtri davanti all'obiettivo

Qualunque sia la tipologia di filtro fotografico da te scelta,  la sua funzione sarà quella di lasciar passare selettivamente la luce che servirà per riprodurre l’effetto desiderato.

filtri fotografici lastra

Tipi di filtri fotografici in commercio

In commercio esistono un’infinità di questi accessori, studiati per ogni possibile situazione di scatto.

Ma siccome abbiamo visto che molti di questi filtri sono ormai inutili, per facilitarti le cose in quest'articolo andremo ad analizzare i più importanti.
In questo modo avrai un quadro completo delle potenzialità di questi piccoli preziosi strumenti e potrai scegliere quello più indicato per i tuoi scopi.

Filtri fotografici quale scegliere

Filtro fotografico UV a cosa serve?

Il filtro anti uv o filtro uv, a differenza delle altre tipologie non produce un effetto vero e proprio sulle tue fotografie.

È costituito da un sottile vetro trasparente, che permette di bloccare la maggior parte dei raggi UV.

I problemi dei raggi ultravioletti é che se presenti in grosse quantità, possono provocare delle alterazioni cromatiche nelle immagini.
Questo fenomeno si verificava spesso quando le fotocamere erano ancora a pellicola, vista la grande sensibilità di questo materiale nei confronti dei raggi.
Un classico esempio si aveva quando si fotografava in alta montagna, dove senza i dovuti accorgimenti lo scatto assumeva una tonalità bluastra.

Il filtro fotografico UV è ancora utile?

Nelle macchine moderne il filtro anti UV è già posizionato all’interno del sensore rendendo inutile l’aggiunta di una ulteriore componente davanti all’ottica.

Ormai, questo tipo di filtro fotografico viene usato soprattutto per proteggere la lente dell’obiettivo da graffi e urti accidentali, che si possono sempre verificare durante le tue sessioni di scatto.
Per questo motivo il filtro uv è di solito a vite: una volta avvitato sopra la lente, in caso di urto sarà lui a subire le peggiori conseguenze dell’impatto.

Un fattore non di poco conto se pensi che questo strumento costa al massimo 40 euro, ma protegge una lente che potrebbe valerne anche più di mille.

Se decidi di adottare questo filtro fotografico presta la massima attenzione alla sua qualità costruttiva, per evitare di comprare prodotti scadenti che potrebbero rovinare le tue fotografie con riflessi e aloni indesiderati

Personalmente ho adottato questa soluzione:

Gobe - Filtro Ultravioletto Multiresistente Rivestito a 12 Strati UV 77mm Japan Optics
148 Recensioni
Gobe - Filtro Ultravioletto Multiresistente Rivestito a 12 Strati UV 77mm Japan Optics
  • Costruito con vetro Japan Optics per trasmittanza luminosa di massimo livello, accresciuta nitidezza ottica e fedeltà ai colori
  • La tecnologia di rivestimento multiresistente a 12 strati riduce significativamente il riflesso sull'obiettivo e l'effetto fantasma, oltre a rendere il filtro antigraffio, idrorepellente, resistente ad oli e polvere,pronto per le condizioni estreme della fotografia d'avventura
  • Design a doppia filettatura, ma ultrapiatto per evitare la vignettatura con il grandangolo. Il telaio di Magnalium ultra robusto assicura lunga durata e previene l'inceppamento
  • Riduce l'appannamento, rende più nitida l'immagine e protegge le tue lenti
  • 5 alberi piantati per ogni prodotto Gobe acquistato. Unisciti alla rivoluzione!

Dimensioni di un filtro fotografico

I filtri fotografici a vite hanno un preciso diametro che è indicato sul bordo del filtro stesso.
Quel diametro deve essere uguale a quello dell'ottica sul quale lo monterai.

Per esempio, il prodotto presente nell'immagine sottostante ha un diametro di 58 mm, quindi potrà essere montato solo su obiettivi che presentano un diametro della lente di 58 mm.
Ricordati questo passaggio prima di ogni acquisto!!

Ad ogni modo esistono anche degli adattatori che permettono di montare filtri di diverso diametro sul medesimo obiettivo.

Tipi di filtri fotografici

Filtri fotografici a densità neutra: cosa significa ND?

Passiamo ora a una categoria molto importante e di sicuro effetto: i filtri fotografici a densità neutra o ND.
Questa tipologia di filtri appartiene a quelle categorie che, come ti accennavo, non possono essere replicate in post-produzione.

Questa componente è costituita da un sottile vetro ottico uniformemente colorato di grigio, che si può trovare sia in forma circolare che in lastre.
La funzione principale del filtro ND è quella di ridurre il numero di stop di luce, ossia la quantità di raggi che passando attraverso la lente dell’obiettivo, colpiscono il sensore.
La quantità di luce schermata dipenderà dal grado di oscuramento del filtro stesso.

Filtri fotografici ND in commercio

In commercio infatti, esistono diverse componenti ND che differiscono per la gradazione di grigio presente.

Possiamo per esempio avere un filtro:

  • ND2: che avrà una densità tale da schermare la metà dei raggi entranti, assorbendo quindi 1 stop.
  • ND4: in cui si avrà un calo di 2 stop di luce.
  • ND16: con cui avrai un assorbimento di 4 stop di luce.

A seconda della tipologia da te scelta, avrai ovviamente un’effetto più o meno evidente.

Ti segnalo che alcune tipologie di ND (quelli con valore più alto), sono così densi da rendere molto difficile la messa a fuoco del soggetto, anche in modalità manuale.  
Se usi uno di questi filtri fotografici, ti consiglio di mettere a fuoco prima di avvitarlo sull’obiettivo, prestando attenzione nella fase di montaggio a non toccare nessuna ghiera.

 filtri fotografici filtro nd

Filtro fotografico ND: a cosa serve

Questa netta diminuzione della luce entrante ti potrà essere utile in diverse circostanze. L’applicazione principale di questa tipologia di filtro, è sicuramente la possibilità di aumentare il tempo di scatto anche in condizioni di forte luminosità.

Questo fattore ti permetterà di creare le famose fotografie a lunga esposizione.
Degli scatti di sicuro impatto, che enfatizzano notevolmente il movimento dei tuoi soggetti.
Una tipica fotografia realizzata con questa tecnica è quella che raffigura il movimento dell’acqua con quell'inconfondibile effetto seta, che puoi vedere nell’immagine sottostante.  

tipi di filtri fotografici filtro nd

Un’altra peculiarità che questa tecnica ti permette, é quella di avere la possibilità di scegliere l’apertura del diaframma anche in condizioni di forte luce.
Usando il filtro fotografico ND, potrai infatti avere un buono sfocato in condizioni che normalmente sarebbero proibitive.

Un altro campo in cui questi accessori sono praticamente obbligatori è quello dei time lapse.
Usando il filtro ND, potrai infatti donare ai tuoi video quel senso di dinamicità tanto apprezzato dai nostri occhi

Migliori filtri fotografici ND

Il grado di oscuramento del filtro, dipende da quello che vuoi fotografare e dall'effetto che desideri conferire alle tue immagini.

Anche in questo caso ti consiglio di prendere solo filtri ND di assoluta qualità, visto che quelli scadenti possono conferire alle tue immagini una componente di colore tendente al magenta.

Personalmente mi sono affidato a questi filtri fotografici:

Gobe - Kit Filtro ND 58mm MRC 16-Strati: ND2, ND4, ND8, ND64, ND1000
33 Recensioni
Gobe - Kit Filtro ND 58mm MRC 16-Strati: ND2, ND4, ND8, ND64, ND1000
  • Stack di filtri a cinque pezzi di Gobe: ND2 (densità neutra 16 MRC 16 strati), ND4 (densità neutra 16 MRC 16 strati), ND4 (densità neutra 16 MRC 16 strati), ND4 (densità neutra 16 MRC 16 strati), ND1000 (densità neutra 1000 MRC 16 strati). Nota: MRC = Rivestimento Multi Resistente
  • L’originale design compatto del contenitore riduce il peso e permette di risparmiare spazio nella borsa della fotocamera, offrendo una protezione sicura ai filtri
  • Cerchi Magnalium con design sottile per evitare vignettatura e doppia filettatura consentendo la sovrapposizione di filtri
  • La Pila di filtri Gobe include anche: tappi metallici protettivi, panno in microfibra, sacchetto per il trasporto di cotone e confezione in tubo di carta Kraft riciclata eco friendly
  • 5 alberi piantati per ogni prodotto Gobe acquistato. Unisciti alla Rivoluzione!
Gobe - Filtro ND1000 82mm MRC a 12 Strati ND
57 Recensioni
Gobe - Filtro ND1000 82mm MRC a 12 Strati ND
  • Il filtro Gobe ND1000 offre 10 riduzioni f-stop ed è costruito con vetro Japan Optics di alta qualità
  • La tecnologia di rivestimento multiresistente a 12 strati riduce significativamente il riflesso sull'obiettivo e l'effetto fantasma, oltre a rendere il filtro antigraffio, idrorepellente, resistente ad oli e polvere,pronto per le condizioni estreme della fotografia d'avventura
  • Elimina le immagini eccessivamente luminose e sbiadite e permette di effettuare una più lunga esposizione per immortalare la bellezza del tempo e del movimento
  • Consente una maggiore apertura del diaframma per ottenere una diminuzione della profondità di campo. Nota: questo non è un ND variabile.
  • 5 alberi piantati per ogni prodotto Gobe acquistato. Unisciti alla rivoluzione!

Filtri fotografici graduati GND

Il GND è una tipologia di filtro fotografico molto simile alla precedente, infatti viene anche chiamato filtro ND graduato.
Anche gli effetti dei GND sono difficilmente riproducibili in post produzione, aumentando quindi il valore degli scatti ottenuti con questo strumento.

Questi filtri sono solitamente in lastra e consistono in un vetro ottico solo parzialmente oscurato da un lato, che degrada fino a diventare trasparente nella parte opposta del filtro. 

L’intensità della sfumatura presente, determina se siamo in presenza di un GND:

  • SOFT:  viene usato principalmente per orizzonti frastagliati, come per esempio una bella catena montuosa o un bosco. È caratterizzato da una sfumatura morbida, che conferisce a questi elementi un graduale passaggio luminoso.
  • HARD: con una degradazione molto più netta e marcata. Questo tipo di GND è ideale per orizzonti lineari, come quello marino, dove non c’è interferenza tra ombre e alte luci.

La funzione principale di questa tipologia di filtro fotografico, è quella di aiutarti a fotografare scene con grosse differenze di luminosità, cosi avrai maggiori possibilità di preservare la gamma cromatica e la giusta esposizione dei dettagli.

Haida, filtro graduato Slim Pro II MC Optical GND, 0,9 (8 x) (12,5 %), 67 mm, coperchio incluso -
4 Recensioni
Haida, filtro graduato Slim Pro II MC Optical GND, 0,9 (8 x) (12,5 %), 67 mm, coperchio incluso -
  • - Haida Slim Pro II MC mm GND, filtro graduato neutro-grigio, 0,9 (8 x 12,5 %) come filtro a vite da 67 mm.
  • Prodotto in vetro ottico di alta qualità, con filettatura frontale per utilizzare più filtri contemporaneamente.
  • Serie professionale PRO II: il rivestimento multistrato digitale, a 8 strati, riduce efficacemente i riflessi e si rivela estremamente idrorepellente, resistente a sporco e graffi.

Filtro fotografico polarizzatore: il must have di questa categoria

Chiudiamo questa rassegna sui più importanti tipi di filtri fotografici, parlando di quello probabilmente più conosciuto: il polarizzatore.

Questo accessorio a differenza dei precedenti, è costruttivamente un po’ più complesso. È formato da un vetro ottico parzialmente oscurato, circondato da due ghiere circolari. Una, come nei precedenti, serve per avvitare il filtro sopra l’obiettivo.
L’altra permette di ruotare a 360° il vetro ottico.

Filtro fotografico polarizzatore: i principali vantaggi

Utilizzare questa tipologia di filtro fotografico permette di approfittare di alcuni vantaggi grafici, che non sono riproducibili in post produzione:

  • Migliora il contrasto e la gamma cromatica dei tuoi scatti
  • Elimina i riflessi indesiderati

Per le caratteristiche appena analizzate, Il polarizzatore trova soprattutto largo impiego nella fotografia paesaggistica.

Grazie a questo filtro avrai  per esempio: un contrasto e una saturazione dei colori senza uguali, il cielo dei tuoi scatti non sarà mai stato così blu.

I bagliori e i riflessi si attenueranno notevolmente permettendoti di scoprire particolari che con una lente normale sarebbero nascosti.

Hai mai provato a fotografare un corso d’acqua con il polarizzatore?

Il fiume, il mare non saranno mai stati così limpidi e trasparenti.

 filtri fotografici il polarizzatore

Lo svantaggio del filtro fotografico polarizzatore

L’unico difetto di questa tipologia di filtro fotografico è quello di allungare i tempi di esposizione dei tuoi scatti, a causa del parziale oscuramento del vetro ottico.

La diminuzione di luce data dall’utilizzo di questo strumento non è fissa, ma varia in base:

  1.  Alla quantità di luce polarizzata presente in scena
  2. Alla posizione del filtro al momento dello scatto.

Comunque solitamente si ha una perdita di 1 o 2 stop di luce.
Questo comporta che a parità di apertura di diaframma, dovrai allungare i tempi di posa se vorrai minimizzare il valore delle iso.

Usando il filtro polarizzatore, dovrai quindi prestare attenzione al tempo limite di scatto se non vorrai incappare nel fastidioso fenomeno del micromosso.

Per aiutarti in questa operazione puoi usare un cavalletto fotografico.

Come funziona il filtro fotografico polarizzatore?

Per capire come funziona il filtro polarizzatore, devi innanzitutto brevemente capire cosa è la luce polarizzata e come si comporta.

La luce bianca che vedi quando accendi una lampadina o quando guardi il sole, é formata prevalentemente da luce non polarizzata.
In questa fonte luminosa le particelle non vibrano su piani determinati, ma assumono direzioni casuali, provocando disordine.

La luce polarizzata invece è molto più ordinata, le particelle si muovono su piani ben determinati e non vi sono interferenze dovute alle oscillazioni casuale dei fotoni.
Il filtro polarizzatore, sfrutta queste caratteristiche della luce, per ottenere un’immagine priva di problemi dovuti alla luce parassitaria entrante.

Questa tipologia di filtro come riesce a selezionare la luce?

La caratteristica che permette a questo strumento di selezionare la luce entrante risiede nelle sue proprietà costruttive.

Le molecole del filtro polarizzatore sono infatti tutte orientate nella stessa direzione, questo fattore determina il passaggio dei soli fotoni che oscillano nel medesimo piano del polarizzatore.
Le altre componenti verranno invece bloccate, limitando così la quantità di luce entrante e migliorando la qualità finale dei tuoi scatti, in termini di contrasto e di gamma cromatica.

Questa tipologia di filtro fotografico presenta quindi un alto potere selettivo di assorbimento della luce, permettendo il passaggio della sola componente polarizzata, presente nella luce non polarizzata.

filtro polarizzatore funzionamento

Come utilizzare il filtro fotografico polarizzatore?

Questo strumento lavora al meglio solo in determinate condizioni di luce, che dipendono soprattutto dalla direzione d’incidenza di quest’ultima.
É proprio per questo motivo che quando ruoti il filtro polarizzatore montato sul tuo obiettivo, la scena che hai davanti cambia drasticamente nei colori e nell’esposizione finale.

Quindi, l’intensità dell’effetto cambierà a seconda della posizione della fotocamera rispetto ai raggi solari e potrai regolarla semplicemente ruotando la ghiera del filtro.
Comunque, le migliori condizioni per avere un buon effetto polarizzante sono quelle con il sole laterale, magari con un angolo di 45° rispetto alla fotocamera, se invece la fonte luminosa rimane di fronte o alle spalle, l’effetto sarà quasi nullo.

Offerta
Hoya HD Filtro Polarizzatore Circolare 77mm
393 Recensioni
Hoya HD Filtro Polarizzatore Circolare 77mm
  • Elevata trasparenza ed elevata durata nel tempo ai raggi UV
  • 25 per cento di maggiore trasmissione della luce rispetto al filtro polarizzante di serie
  • Filtro con 8 strati antiriflesso
  • Acqua e olio repellente, antigraffio e antimacchia
  • Compatibile con obiettivo grandangolare con cornice ultra sottile

Filtri fotografici in pdf

Se vuoi approfondire il discorso legato a ogni singola tipologia di filtro puoi cliccare sui link ipertestuali presenti in quest'articolo.
Oppure puoi scaricare la nostra guida pdf sui filtri fotografici iscrivendoti alla nostra newsletter.
È tutto gratuito!!

I diversi tipi di filtri fotografici: conclusioni o quasi

Come al solito, spero di averti aiutato a chiarire qualche dubbio che ti passava per la testa.  
Oggi ti ho parlato di uno strumento che può radicalmente migliorare la qualità grafica dei tuoi scatti, ti consiglio di prenderlo seriamente in considerazione nel tuo prossimo futuro.

Hai finalmente capito quali sono le tipologie di filtro fotografico più importanti e come usarli per trarre il meglio da questi accessori, ma non ti fermare  mai alle apparenze.
Con un po’ di fantasia puoi trovare anche altre applicazioni per questi strumenti.

Per esempio, utilizzando due filtri polarizzatori sovrapposti e incrociati, quindi con i due piani di polarizzazione orientati a 90 gradi l’uno rispetto all’altro, avrai un assorbimento della luce quasi totale. In questo modo potrai così simulare gli effetti di un vero e proprio filtro ND.

Hidden Content

Utilizzo dei filtri fotografici: esempio di vita vissuta

Un altro esempio di riutilizzo di un filtro fotografico è quello che ho attuato sul mio filtro polarizzatore, durante il mio viaggio in sud America.

Per fartela breve, dopo non aver resistito a fotografare dei pinguini su una spiaggia con forte vento, mi sono ritrovato con molta polvere sul sensore.
Ovviamente non avevo il kit di pulizia  con me e mi trovavo a migliaia di km dal centro di assistenza più vicino.  

Quindi per dieci giorni mi sono dovuto inventare qualcosa per girare i video che mi ero prefissato.
Nei video, a differenza della fotografia, i pallini scuri dovuti alle impurità sul sensore sono un grandissimo problema.
Immagina cinque grosse macchie di polvere che si muovono con te nel panning.
Proprio una bellezza per gli occhi!

Per ridurre questo problema, ho filmato con il diaframma a tutta apertura e il polarizzatore inserito di default, cosa che non avrei potuto fare in assenza di filtro.
In questo modo, sono riuscito comunque a portare a casa un buon risultato e a vendere qualcosina sui vari siti di stock footage.

Quindi, qualsiasi sia l’argomento che stai affrontando, non ti basare solo su quello che leggi in giro, ma fotografa, divertiti e sperimenta più che puoi.
Solo in questo modo potrai capire l’incredibile potenzialità degli strumenti a tua disposizione.

I migliori filtri fotografici

Nelle offerte sottostanti, per poter risparmiare qualcosa, puoi trovare diverse combinazioni di filtri fotografici.

Gobe Kit filtri 58mm MRC 12-Strati: UV + CPL Polarizzatore
103 Recensioni
Gobe Kit filtri 58mm MRC 12-Strati: UV + CPL Polarizzatore
  • Stack di filtri a due pezzi di Gobe: UV (MRC 12-strati ultravioletti) + CPL (circolare polarizzatore MRC 12-strati). Nota: MRC = Rivestimento Multi Resistente
  • L’originale design compatto del contenitore riduce il peso e permette di risparmiare spazio nella borsa della fotocamera, offrendo una protezione sicura ai filtri
  • Cerchi Magnalium con design sottile per evitare vignettatura e doppia filettatura consentendo la sovrapposizione di filtri
  • La Pila di filtri Gobe include anche: tappi metallici protettivi, panno in microfibra, sacchetto per il trasporto di cotone e confezione in tubo di carta Kraft riciclata eco friendly
  • 5 alberi piantati per ogni prodotto Gobe acquistato. Unisciti alla Rivoluzione!
Hoya – filtro II – kit per obiettivo fotocamera digitale
242 Recensioni
Hoya – filtro II – kit per obiettivo fotocamera digitale
  • Filtri
  • Set di 3 filtri DFK72 (UV,PLC,ND) -72mm
  • HOYA
NiSi Starter Kit con Holder V5-PRO, filtri e accessori (2° Generazione)
4 Recensioni
NiSi Starter Kit con Holder V5-PRO, filtri e accessori (2° Generazione)
  • Il kit perfetto per entrare nel mondo dei filtri per la fotografia di paesaggio
  • Incluso l'Holder V5-PRO con polarizzatore e anelli da 82/77/72/67mm (disponibili anelli fino a 49mm separatamente)
  • Inclusi tutti gli accessori per pulizia e trasporto insieme al Lens Cap
  • Ben 3 filtri (2 ND e 1 GND) in vetro ottico per applicazioni di precisione per essere sicuro di avere sempre il miglior filtro a portata di mano
  • Inclusa la nuova borsa portafiltri ALL IN ONE

Fammi contento, lascia un commento 

Mi piacerebbe conoscere la tua esperienza con i filtri fotografici, quale preferisci?
Hai ulteriori consigli sul loro utilizzo?
Ti aspetto nell'area commenti in fondo alla pagina! 😉

social finale

Condividi!

Ho bisogno del tuo aiuto!

Se questo post ti è piaciuto o ti è stato utile ti chiedo un piccolo favore, una semplice condivisione sul tuo social preferito. 

A te non costa nulla ma per questo piccolo blog conta tantissimo.

Scritto da:
Simone Scalise

Biologo marino di professione e fotografo per vocazione.
Da oltre vent'anni unisce il suo innato amore per la natura e per i viaggi, all'ardente passione fotografica che lo ha spinto a studiare ogni sfaccettatura che questa forma d'arte possiede.
Specializzato nella fotografia di paesaggio e in quella naturalistica, gira il Mondo alla ricerca dello scatto perfetto.

simone-scalise-5

Ultimo aggiornamento 2019-11-20 - Immagini da Amazon Product Advertising API

Hai letto:
I diversi tipi di filtri fotografici: guida completa
Titolo:
I diversi tipi di filtri fotografici: guida completa
Riassunto:
Una guida all'acquisto, per potersi districare tra i diversi tipi di filtri fotografici presenti in commercio. Un post da non perdere per nessun motivo.
Autore:
Pubblicato grazie a:
Fotografare per stupire
Logo:
>