Raccontando il Mondo attraverso l’obiettivo di Eve Arnold

eve arnold

Oggi parleremo della grande Eve Arnold, un'artista che è stata molto più di una semplice fotografa.
È stata una narratrice visiva, un'osservatrice instancabile e una cacciatrice di emozioni, il cui obiettivo era immortalare l'umanità in tutte le sue sfumature.
Dalle celebrità alle persone comuni, dai momenti di gloria alle sfide quotidiane, Eve Arnold ha catturato l'essenza di ciò che significa essere umano.
La sua storia è una testimonianza di: determinazione, talento e un profondo amore per la fotografia che l'ha portata a sfidare le convenzioni del suo tempo e a catturare il mondo attraverso un obiettivo unico.
Quindi non perdiamoci in troppe chiacchiere e iniziamo subito ad approfondire la conoscenza di questa grande fotografa.

Prima  permettimi solo di ricordarti il nostro apprezzato canale Youtube, dove puoi trovare decine e decine di video dedicati alla fotografia e alla post-produzione.
A tal proposito ecco il video dedicato alla grande fotografa: Eve Arnold.
All'interno di questo video puoi trovare le stesse informazioni contenute in questa pagina ma potrai osservare molte più fotografie.
Mentre se vuoi scoprire altri fotografi famosi, puoi guardare questa lista.

I primi anni di vita

Eve Arnold è nata il 21 aprile 1912 a Philadelphia, Pennsylvania, da genitori immigrati ebrei russi.
Durante i suoi primi anni di formazione medica, un regalo di un amico sotto forma di una macchina fotografica ha innescato la sua passione per la fotografia.
Per molti anni ha scattato foto per il solo piacere personale, sviluppandole in una piccola camera oscura.
Durante la Seconda Guerra Mondiale, si è sposata con un designer grafico e industriale e ha lavorato in una fabbrica di sviluppo fotografico, raggiungendo rapidamente il ruolo di responsabile.
Dopo la guerra, ha dato alla luce suo figlio e ha trascorso un breve periodo a casa.

eve arnold camera

Gli inizi della carriera fotografica di Eve Arnold

Il ritorno alla fotografia ha portato Eve Arnold a iscriversi nel 1948 alla New York School for Social Research, dove il suo lavoro ha impressionato Alexey Brodovitch, all'epoca direttore artistico della rivista di moda Harper's Bazaar.
Per il suo primo incarico sul tema della moda, ha scelto Harlem, poiché all'epoca nessuna rivista americana mostrava la moda afroamericana, facendo così emergere le sue fotografie. 
Nel 1951 Eve Arnold ha portato questa serie e un saggio fotografico su lavoratori migranti a Long Island alla cooperativa fotografica Magnum, che l'ha invitata a unirsi come fotografa freelance; è diventata membro a pieno titolo a metà degli anni '50.
Nel 1962 si è trasferita in Gran Bretagna affinché suo figlio potesse studiare alla Bedales School e tranne sei anni trascorsi a lavorare in Cina e negli Stati Uniti, ha vissuto lì per il resto della sua vita.
"The Sunday Times e Magnum sono stati entrambi il mio punto di riferimento'" ha detto Arnold, "da cui ho potuto decidere esattamente cosa volessi fare. Quel tipo di sicurezza e la libertà che essa offre sono un grande privilegio per qualsiasi artista. Il reportage editoriale è meraviglioso, ma non sempre paga le bollette, quindi in quei casi Magnum poteva organizzarmi uno set su un film o della fotografia industriale."

eve arnold biografia

Le fotografie di Eve Arnold

La carriera di Eve Arnold ha spaziato ampiamente sia geograficamente, che in materia di soggetti e di supporti.
Si considerava principalmente una fotografa ma ha anche scritto libri e realizzato un film sugli harem dell'Arabia, intitolato "Dietro il Velo".
All'inizio della sua carriera, è stata una pioniera della fotografia a colori, a tal proposito ecco una frase di questa famosa artista: "Tra i miei colleghi è sorta una controversia sulle qualità del bianco e nero rispetto al colore. I puristi sostenevano che il colore è commercio e il bianco e nero è arte - un argomento che non si è placato negli anni. Per quanto mi riguarda, sono golosa e, non volendo limitarmi, userò qualsiasi strumento mi trovi tra le mani. Quindi, a seconda dei dettami dell'umore e del momento, passerò dal colore al bianco e nero e viceversa, o gestirò entrambi contemporaneamente."

All in a Day's Work

Durante la sua carriera, Eve Arnold ha scattato centinaia di ritratti, spesso fotografando le persone mentre lavoravano.
Molte di queste foto sono state pubblicate nel suo libro del 1989, intitolato All in a Day's Work.
"Ho cercato una sensazione di realtà in tutto ciò che facevo. Non ho mai lavorato in uno studio, non ho illuminato nulla. Ho trovato un modo di lavorare che mi piaceva perché non dovevo spaventare le persone con attrezzature pesanti. C'era solo io, quella piccola scatola nera e 5 sterline di pellicola in tasca."

eve arnold fotografia

Eve Arnold e Marilyn Monroe

Probabilmente il lavoro più noto di Arnold è la sua serie di fotografie della star del cinema Marilyn Monroe, pubblicata in forma di libro nel 1987 e revisionata e ripubblicata nel 2005.
Sei sessioni si sono svolte nel corso di un periodo di 10 anni, la più breve delle quali è durata due ore e la più lunga due mesi, quando Arnold ha visto Marilyn Monroe ogni giorno durante le riprese di un film
È stata così stabilita una grande fiducia e un rispetto reciproco, che ha portato a un ricco portfolio, che ritrae Marilyn Monroe con i suoi difetti e problemi ma anche con umorismo, calore e umanità.
'Non ho mai conosciuto nessuno che si avvicinasse anche solo lontanamente a Marilyn nella capacità naturale di usare sia il fotografo che la macchina fotografica', ha detto Arnold. 'Sapeva cosa fare. Imponeva le sue esigenze psichiche, i suoi umori, il suo erotismo alla sessione, lavorando rapidamente in modo che espressione dopo fugace espressione si affacciassero sul suo volto, il suo corpo si muoveva sinuosamente in cadenza in modo che il fotografo potesse solo cercare di starle dietro... Se sentivo che stava rallentando e che era necessario, dicevo cosa volevo e lei si metteva all'opera. Principalmente ciò che volevo era che lei fosse semplicemente se stessa.'
Poco dopo la morte di Arnold il 4 gennaio 2012, all'età di 99 anni, la Halcyon Gallery ha allestito una mostra omaggio, esponendo l'intera collezione di fotografie in edizione limitata di Marilyn Monroe.
Le sue diapositive, negativi e fogli di contatto sono ora conservati presso la Beinecke Rare Book and Manuscript Library dell'Università di Yale, uno dei più grandi edifici al mondo interamente dedicati a libri e manoscritti rari.

eve arnold marilyn monroe

Le altre celebrità immortalate

L'opera di Eve Arnold con le star del cinema ha coperto un arco temporale di oltre tre decenni e ha incluso attori come: Elizabeth Taylor, Marlene Dietrich, Jean Simmons e Simone Signoret. Anche gli attori maschili sono stati rappresentati, tra cui: Clark Gable, Richard Burton, Orson Welles e Charlie Chaplin.
Tra i leader mondiali fotografati da Arnold vi sono: la Regina Elisabetta II, con una suggestiva foto in cui si ripara sotto un ombrello nero ma guarda verso il cielo e Margaret Thatcher, circondata da imponenti statue di Winston Churchill.

grandi fotografi eve arnold

La fotografia documentaria di Eve Arnold

Ma questa grande fotografa ha lavorato per Life magazine nel suo periodo d'oro, viaggiando in: Afghanistan, Sud Africa e nell'ex Unione Sovietica in un'epoca in cui le immagini di queste aree erano rare.
Nel 1973 l'assoluta povertà in Sud Africa sotto l'apartheid fu profondamente dolorosa da documentare: "Una serie di foto che ho fatto ritraeva bambini che soffrivano di malnutrizione, bambini che morivano tra le braccia delle madri, ed è stato straziante vedere questi bambini morire per mancanza di cibo. Mi sono volutamente adoperata per mostrare quanto fosse terribile."

fotografi famosi eve arnold

Il viaggio in Cina

In altri due grandi progetti Arnold ha catturato la vita collettiva di intere nazioni come Cina e America e le circostanze individuali di molte persone comuni.
"Fin dall'inizio della mia carriera di fotografa in cima all'agenda c'era il piano di andare in Cina'. Dopo aver richiesto annualmente un visto per 15 anni, nel 1979 è finalmente riuscita a ottenerlo.
Preparandosi per documentare la realtà della Cina post-Rivoluzione Culturale, all'epoca una nazione di 800 milioni di abitanti, ha metodicamente pianificato uno schema suddiviso in: paesaggi, persone, lavoro e vita.
In due lunghi viaggi, ha percorso oltre 60.000 chilometri, da Pechino alla Mongolia, attraverso l'altopiano tibetano e il deserto del Gobi.
Il suo archivio di 12.000 diapositive dellla Cina sull'orlo della riforma industriale, mostra un paese di straordinaria diversità: un mondo di contadini e lavoratori urbani, atleti e studenti, funzionari governativi e monaci buddisti.

eve arnold cina

I libri fotografici di Eve Arnold

Offerta
Eve Arnold: Magnum Legacy
40 Recensioni
Eve Arnold: Magnum Legacy
  • Orders are despatched from our UK warehouse next working day.
  • Di Giovanni, Janine (Autore)
Cine-Roman
  • Arnold, Eve (Autore)

Lo stile fotografico

Eve Arnold è stata una fotografa con uno stile distintivo e versatile che si è evoluto nel corso della sua lunga carriera.
Il suo stile fotografico è noto per la sua capacità di catturare l'umanità e l'essenza dei suoi soggetti, sia che si trattasse di celebrità, persone comuni o situazioni documentarie.
Eve Arnold era un'abile narratrice visuale, le sue fotografie spesso raccontavano storie complesse e intime.
Era in grado di catturare momenti significativi e trasmettere emozioni attraverso le sue immagini.
Questa capacità di creare narrazioni visive ha senza ombra di dubbio, reso le sue fotografie maggiormente avvincenti e coinvolgenti .
Inoltre questa artista preferiva catturare i suoi soggetti in modo naturale e spontaneo.
Questo approccio rendeva le sue fotografie autentiche e rivelatrici.
Si concentrava quindi sulla sincerità e sulla verità delle espressioni e delle azioni dei suoi soggetti, piuttosto che su pose artificiali.

eve arnold fotografa

Inoltre Arnold aveva una profonda empatia verso i soggetti immortalati.
Questa empatia le permetteva di creare una connessione autentica con le persone che fotografava.
Questo fattore si rifletteva nelle sue immagini, che spesso rivelano l'umanità e la vulnerabilità dei soggetti.
Anche l'uso della luce nelle sue fotografie è veramente ammirevole.
Era infatti in grado di sfruttare la luce in modo creativo per enfatizzare i dettagli e creare atmosfere uniche.
La sua abilità nell'uso della luce contribuiva a rendere le sue immagini maggiormente artistiche e suggestive.
Arnold ha lavorato sia in colore che in bianco e nero, questa flessibilità le ha permesso di adattare il suo stile alle esigenze del progetto.
Nel corso della sua carriera, ha comunque dimostrato una padronanza straordinaria sia del colore che del bianco e nero, creando splendide immagini in entrambi i formati.

Le frasi famose di Eve Arnold

"Non posso più tenere in mano una macchina fotografica."
"Se un fotografo si prende cura delle persone davanti all’obiettivo ed è compassionevole, gli viene dato molto. Lo strumento è il fotografo, non la macchina fotografica”.
È la cosa più difficile al mondo prendere il banale e provare a mostrare quanto sia speciale
“Penso che se mai riuscissi a sentirmi soddisfatto, dovrò smettere. È la frustrazione che ti guida
Non dovresti mai rivelare la tua vera età.
“Non importa se usi una fotocamera box o una Leica; l’importante è ciò che ti motiva quando fotografi”.
Non vedo nessuno né come ordinario né come straordinario. Li vedo semplicemente come persone davanti al mio obiettivo”.
Cosa mi ha spinto e fatto andare avanti nel corso dei decenni? Se dovessi usare una sola parola sarebbe “curiosità”.
Ciò di cui hai bisogno per essere un buon fotografo è una curiosità travolgente e una buona digestione.
“Lezione numero uno: prestare attenzione all’intrusione della telecamera.”

Ultimo aggiornamento 2024-04-19 - Immagini da Amazon Product Advertising API

Condividi subito
>