Dentro le Immagini: Il Fascino Eterno dei Ritratti di Arnold Newman

Arnold Newman fotografia ritratto

Oggi parleremo del grande fotografo Arnold Newman, un autentico pioniere nell'arte del ritratto fotografico.
La sua capacità di catturare l'essenza dei soggetti, combinando l'ambiente circostante con la loro individualità, ha reso le sue immagini icone senza tempo.
Newman ha trasceso il concetto tradizionale del ritratto, regalando una prospettiva unica su: artisti, intellettuali e figure influenti del suo tempo.
La sua maestria nell'integrare contesto e carattere ha plasmato un'impronta indelebile nell'universo della fotografia, lasciando un'eredità iconica e ispiratrice per le generazioni a venire.
Questo articolo esplorerà il genio creativo di Arnold Newman e il suo impatto duraturo nel mondo dell'arte fotografica.

Prima  permettimi solo di ricordarti il nostro apprezzato canale Youtube, dove puoi trovare decine e decine di video dedicati alla fotografia e alla post-produzione.
A tal proposito ecco il video dedicato al grande fotografo: Arnold Newman.
All'interno di questo video puoi trovare le stesse informazioni contenute in questa pagina ma potrai osservare molte più fotografie.
Mentre se vuoi scoprire altri fotografi famosi, puoi guardare questa lista.

Biografia del fotografo Arnold Newman

Nato a Manhattan in una famiglia ebrea il 3 marzo 1918 Newman è cresciuto ad Atlantic City, New Jersey, per poi trasferirsi a Miami Beach, in Florida.
Nel 1936 ha studiato pittura e disegno presso l'Università di Miami.
Non potendo permettersi di continuare gli studi dopo due anni, si è trasferito a Philadelphia per lavorare in uno studio, realizzando ritratti a 49 centesimi nel 1938.
Nel 1942 è tornato in Florida per gestire uno studio fotografico a West Palm Beach. Tre anni dopo, ha aperto la sua attività a Miami Beach.
Nel 1946 si è trasferito a New York, ha aperto gli Arnold Newman Studios e ha lavorato come fotografo freelance per riviste come: Fortune, Life e Newsweek.
Anche se ha fotografato molte personalità, del calibro di:  Marlene Dietrich, John F. Kennedy, Harry S. Truman, Piet Mondrian, Pablo Picasso.. Ha sempre sostenuto che anche se il soggetto non è noto o è già dimenticato, la fotografia stessa deve comunque emozionare e interessare lo spettatore.

Arnold Newman

Pubblicazioni e riconoscimenti

Newman è stato un importante contributore a pubblicazioni come: il New Yorker, Vanity Fair, Life, Look, Holiday, Harper's Bazaar, Esquire, Town & Country, Scientific American, New York Times Magazine e molte altre.
 Ha ovviamente ricevuto premi tantissimi premi nel corso della sua carriera tra cui: l'American Society of Media Photographers, il Lucie Award, il Royal Photographic Society Centenary Award e il "Commander of the Order of Arts and Letters" della Francia.
Nel 2005, Photo District News ha nominato Newman come uno dei 25 fotografi viventi più influenti.
Nel 2006 ha ricevuto la Medaglia d'Oro per la Fotografia dal National Arts Club.
Purtroppo questo grande artista è morto al Mount Sinai Medical Center di New York il 6 giugno 2006, mentre stava ancora riprendendosi da un ictus.

Arnold Newman e il ritratto ambientale

Newman è spesso accreditato come il fotografo che ha articolato e costantemente utilizzato, il famoso ritratto ambientale.
Un genere in cui il fotografo utilizza un'ambientazione attentamente composta, per simboleggiare la vita e il lavoro dell'individuo.
Con il suo metodo di ritratto, posizionava i suoi soggetti in contesti rappresentativi delle loro professioni, con l'obiettivo di catturare l'essenza della vita e del lavoro di ciascun individuo.
Sebbene questo approccio sia oggi comune, la sua tecnica era estremamente non convenzionale negli anni '30 quando ha iniziato a ritrarre i suoi soggetti in questo modo.
Un esempio noto è il suo ritratto di Igor Stravinsky, in cui il coperchio del suo pianoforte a coda forma una gigantesca nota musicale rappresentativa della struttura melodica dell'opera del compositore. 

Arnold Newman stravinsky

Newman catturava di solito i suoi soggetti nei loro ambienti più familiari, con elementi visivi rappresentativi delle loro professioni e personalità.
Ad esempio, un musicista poteva essere fotografato nel suo studio di registrazione o sul palco, un senatore o un politico in ufficio o in un edificio rappresentativo.
Utilizzando una macchina fotografica a grande formato e un treppiede, lavorava per registrare ogni dettaglio della scena.
"Non volevo semplicemente creare una fotografia con alcune cose sullo sfondo", ha dichiarato Newman in un'intervista alla rivista American Photo. "L'ambiente doveva aggiungere alla composizione e alla comprensione della persona. Qualunque fosse il soggetto, doveva essere una fotografia interessante. Fare semplicemente un ritratto di una persona famosa non significa nulla."

Arnold Newman fotografo

Libri e  fotografie di Arnold Newman

Arnold Newman: At Work
9 Recensioni
Arnold Newman: At Work
  • Flukinger, Roy (Autore)
Arnold Newman
26 Recensioni
Arnold Newman
  • Used Book in Good Condition
Offerta
Arnold Newman: The Early Work
5 Recensioni
Arnold Newman: The Early Work
  • Oleman, Arthur (Autore)

Il suo approccio ambientale al ritratto è stato influenzato dal simbolismo e dall'impressionismo ed è stato definito dall'imperativo di catturare lo spettatore, indipendentemente da quanto fosse noto il soggetto.
Mentre si specializzava nel fotografare artisti, Newman ha catturato la somiglianza di una vasta gamma di figure, da atleti e attori a presidenti e politici.
Tra i suoi numerosi soggetti, l'impressionante elenco di Newman include:  Arthur Miller, Marilyn Monroe, Ronald Reagan, Mickey Mantle, Audrey Hepburn, Igor Stravinsky, Salvador Dalí, Georgia O'Keeffe, Andy Warhol, Truman Capote.
Newman è stato uno dei pochi fotografi autorizzati a fare un ritratto al famoso e schivo Henri Cartier-Bresson.  
Le immagini più conosciute di questo grande fotografo sono sicuramente quelle in bianco e nero, anche se fotografava spesso a colori. 
Tra le immagini a colori più conosciute di Newman c'è un inquietante ritratto del 1963, che mostra l'ex industriale nazista e ministro dell'armamento Alfried Krupp in una delle fabbriche di Krupp.
Newman ha sempre ammesso che i suoi sentimenti personali hanno sicuramente influenzato la sua rappresentazione di Krupp.

grandi fotografi Arnold Newman

Lo stile fotografico

Come detto in precedenza Newman è universalmente riconosciuto per aver introdotto e reso famoso il ritratto ambientato ma questo artista era noto anche per essere un vero e proprio maestro della composizione.
Le sue fotografie sono attentamente composte, con grande attenzione ai dettagli. Ogni elemento nell'inquadratura è studiato attentamente per contribuire alla narrazione visiva.
In molte delle sue immagini, Newman aveva un'inclinazione verso l'astrazione.
Anche quando fotografava soggetti concreti come artisti o politici, Newman cercava di catturare aspetti astratti della loro personalità o del loro lavoro attraverso la composizione e l'uso di simboli visivi.
La gestione della luce e delle ombre è stata un'altra caratteristica distintiva del suo stile.
Questo grande fotografo sapeva come utilizzare la luce in modo creativo, per evidenziare il soggetto o per creare un'atmosfera specifica nell'immagine.
Anche quando fotografava celebrità o personaggi noti,  era così in grado di catturare la vera essenza dell'individuo.
Le sue fotografie esplorano la personalità e l'umanità dei soggetti, andando oltre la superficie per rivelare chi sono realmente.

arnold newman fotografia

Le frasi famose di Arnold Newman

“Molti fotografi pensano che se acquistano una fotocamera migliore saranno in grado di scattare fotografie migliori. Una fotocamera migliore non farà nulla per te se non hai nulla nella testa o nel cuore”.
"Non scattiamo foto con le fotocamere: le scattiamo con il cuore e la mente."
“La macchina fotografica è uno specchio dotato di memoria, ma non può pensare.”
“Le influenze arrivano da ogni parte, ma quando scatti lavori principalmente per istinto. Ma cos’è l’istinto? È un accumulo di influenza durante tutta la vita: esperienza, conoscenza, vista e udito. C'è poco tempo per riflettere quando si scatta una fotografia. Tutte le tue esperienze raggiungono il culmine e lavori su due livelli: conscio e inconscio.
“Il fotografo deve essere parte dell’immagine.”
“La preoccupazione per l’astrazione, combinata con l’interesse per la documentazione delle persone nel loro ambiente naturale, è stata la base su cui ho costruito il mio approccio alla ritrattistica. Il ritratto di una personalità deve essere il più completo possibile. L’immagine fisica del soggetto e i tratti della personalità che l’immagine riflette sono gli aspetti più importanti, ma da soli non bastano… Dobbiamo anche mostrare la relazione del soggetto con il suo mondo sia attraverso i fatti che attraverso il simbolismo grafico. L’approccio visivo del fotografo deve saldare queste idee in un insieme organico e l’immagine fotografica prodotta deve creare un’atmosfera che rifletta le nostre impressioni d’insieme”.
“Non esistono regole e regolamenti per una composizione perfetta. Se ci fosse potremmo mettere tutte le informazioni in un computer e ne usciremmo un capolavoro. Sappiamo che è impossibile. Devi comporre in base ai tuoi pantaloni.
“Allineo sempre le cose, misuro gli angoli, anche durante questa intervista. Sto osservando il modo in cui ti siedi e il modo in cui ti adatti alla composizione dello spazio intorno a te. 

Ultimo aggiornamento 2024-04-19 - Immagini da Amazon Product Advertising API

Condividi subito
>