Robert Capa: foto e biografia di un grande fotografo

robert capa biografia

Endre Friedman è stato uno dei fotografi più noti del secolo scorso, anche se questo nome non risuona molto familiare ai più, è meglio conosciuto con il pseudonimo di Robert Capa.
Nato a Budapest il 22 ottobre del 1913, esiliato in seguito, quando era ventenne, per il suo attivismo politico (di sinistra), visse come clandestino in Francia durante il periodo bellicoso.
Pioniere della fotografia di guerra, Robert Capa divenne famoso grazie alle sue foto che documentarono i vari conflitti: la guerra spagnola nella metà degli anni 30, la seconda guerra sino-giapponese del 1938, la guerra israeliana in seguito, e la guerra d’Indocina. 
Ma fu la foto “Il miliziano colpito a morte” eseguita durante la guerra spagnola che lo rese celebre.
Da quel momento in poi per Robert Capa fu un’escalation di successi.

robert capa opere

Robert Capa: la vita tra fotografia e cinema

Robert Capa nacque in una famiglia umile, dediti alla sartoria, ma Robert preferì non seguire mai le orme dei genitori, e decise di intraprendere la carriera universitaria iscrivendosi alla facoltà di Scienze di Berlino.
Anche se purtroppo dovette poco dopo interrompere gli studi a motivo della persecuzione nazista contro gli ebrei perché Robert era di origine ebraica.

Quindi trovò rifugio a Parigi, e lì scoprì la sua inclinazione verso la fotografia.
Dapprima si addentrò nel mondo della fotografia da semplice assistente di laboratorio, poi decise di proseguire il percorso in solitaria e iniziò a muovere i suoi primi passi in questo mondo da libero professionista.
In seguito, Robert cominciò ad orbitare anche nel cinema, ricevendo alcune parti in film importanti per registi del calibro di Hitchcock e accanto ad attrici stellari come ad esempio Ingrid Bergman, con cui sembra abbia avuto persino una relazione d’amore. 

robert capa fotografo

Robert Capa: foto famose

Sebbene la vita di Robert fosse all’insegna del “genio e sregolatezza”, grazie al suo fascino riusciva ad attirare molte donne ma anche molti furfanti o individui che vivevano di espedienti.
Tuttavia, la dedizione di Robert resterà sempre ed unicamente verso la fotografia.
Robert si distinse dai suoi contemporanei per un pensiero di fotografia che ben si discostavano dalla tipicità e consuetudine dell’epoca. Infatti il suo concetto di fotografia non era legato alla moda o alla bellezza, la sua fotografia era cruenta,  immortalava la sofferenza, la parte oscura dell’uomo: le sue erano foto di guerra.

E per la prima volta nella storia della fotografia, Robert si spinse dove nessuno aveva fatto fino a quel momento: essere il più vicino possibile al soggetto, oltrepassando così barriere, limiti e veti.
Infatti uno dei suoi motti più famoso era: "Se le tue foto non sono buone, vuol dire che non eri abbastanza vicino", una frase destinata a diventare cult e rivoluzionare per sempre il mondo della fotografia.

robert capa foto

La famosa e discussa foto di Robert Capa.

La sua foto più famosa, “Il miliziano colpito a morte” entrò immediatamente nella simbologia e nel mito.
Scattata in Andalusia, sul campo, mentre affiancava una ventina di soldati, che ha visto morire sotto i suoi occhi.
Ma ancor più singolare fu appunto il miliziano colpito a morte, da cui prende il nome la foto che secondo Robert, fu scattata in maniera fortuita e accidentale, mentre il soldato veniva colpito e moriva sotto le armi da fuoco.
La versione di Capa è quella di aver fotografato senza guardare, alzando la fotocamera sopra la sua testa e cogliendo l'attimo immortalato.

Anche se nacquero non poche controversie riguardo la foto in questione, in quanto si vociferava di non  trattarsi di una foto autentica ma semplicemente una messa in scena del fotografo.
C'è anche chi sostiene che ad averla scattata non fu affatto Robert.
Quindi, chi fu l’autore della famosissima foto?
Ad oggi, non ci è dato saperlo, e la controversia resta ancora aperta e i pareri ancora discordanti.
Resta il fatto che la foto è entrata a far parte dell’iconografia eterna. 

Robert Capa e lo sbarco in Normandia

Lo sbarco in Normandia fu un evento più tragico che epico.
A documentare lo sbarco c’arano molti fotografi, tra cui anche Robert, il quale si distinse eccezionalmente dagli altri suoi colleghi, arrivando ad effettuare centinaia di foto.
Il reportage fu considerato tra i più memorabili di tutti i tempi.
Furono adoperati addirittura quattro rullini ma a causa della negligenza di un assistente, uno andò perduto per sempre.
Non sapremmo mai cosa ci fosse nel rullino perduto.
Considerando l’audacia di Robert, possiamo star certi, che ci fossero foto incredibili. 

robert capa sbarco in Normandia

Robert capa e lo sbarco in Normandia

Robert Capa in sicilia

L’attività di Robert continua senza sosta, e l’artista come un’anima inquieta, cerca di immortale per sempre (e il più possibile) l’altra faccia della guerra.
Testimone per l’ennesima volta della crudezza della guerra, anche in Sicilia Robert intrappola nel suo obiettivo le immagini che faranno successivamente il giro del  mondo.
La rivista Life fu quella che pubblicò le opere più importanti di Robert.

Robert Capa sicilia

Robert Capa documenta lo sbarco in Sicilia.

Il fotografo delle emozioni

La guerra finalmente volgeva al termine, e con la capitolazione di Hitler e Mussolini, si approssimava una nuova era.
Ma nello stesso tempo, anche la fotografia di Robert pareva che si evolvesse verso un nuovo pensiero.
Infatti, Capa non si concentrò più sugli orrori della guerra ma sulla parte ora più sentimentalista di quell’epoca.
Come se volesse adattarsi al cambiamento, mostrando al mondo che esiste anche un lato meno cruento delle cose, più romantico, più poetico.

Robert Capa: libri fotografici

Offerta
Robert Capa [Lingua inglese]
  • Used Book in Good Condition
  • Andréa Holzherr (Author)
Offerta
Robert Capa
  • Gnugnoli, Alberta (Author)

Robert Capa: risorse utili

Robert Capa: frasi famose

“Come fotografo di guerra spero di rimanere disoccupato per il resto della mia vita.”

“Il corrispondente di guerra beve di più, ha più ragazze, è meglio pagato, ed ha una maggiore libertà rispetto al soldato, ma in questa fase del gioco, avere la libertà di scegliere il suo posto e di poter essere un codardo senza essere giustiziato, è la sua tortura.”

“Se le vostre foto non sono abbastanza buone, non siete abbastanza vicino.”

Ultimo aggiornamento 2021-09-18 - Immagini da Amazon Product Advertising API

Condividi subito
>